Conferenza Internazionale "The Consequences of War and their Interdependence"

Event Details
Start Date 14 Nov 2022 ore 09:00
End Date 15 Nov 2022 ore 12:30
Place Webinar
Partecipation Online
Read more

 

Il Centro di Ateneo per i Diritti Umani “Antonio Papisca” dell’Università di Padova e la Cattedra UNESCO “Diritti Umani, Democrazia e Pace”, con il supporto del Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali dell’Università di Padova, organizzano la Conferenza Internazionale “The Consequences of War and their Interdependence. Bringing Human Security Back to the Global Political Agenda”.

La Conferenza, che si svolge il 14 e 15 novembre in presenza e online, mira a uno scambio di prospettive tra studiosi su due questioni principali. Da un lato, come le conseguenze della guerra in Ucraina e degli altri conflitti armati in corso stanno influenzando il godimento della sicurezza umana nel mondo. In secondo luogo, come viene concepita e perseguita la sicurezza umana nell’attualità internazionale, anche in considerazione degli ambiziosi obiettivi indicati nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e nella “Our Common Agenda” 2021 presentata dal Segretario Generale delle Nazioni Unite.

Sono confermati i seguenti relatori: Kairat Abdrakhmanov, OSCE High Commissioner on National Minorities; Wolfgang Benedek, University of Graz;  Jean Fabre, United Nations Task Force on Social and Solidarity Economy; Ian Fry, UN Special Rapporteur on the promotion and protection of human rights in the context of climate change; Christina Kokkinakis, European External Action Service; Jihad Nammour, Saint Joseph University of Beirut, Lena Simet, Human Rights Watch; Karen E. Smith, London School of Economics and Political Science.

Nella giornata di lunedì 14 Alfredo Rizzo (Inapp) presenta il contributo “Human security and individuals’ free movement under Union’s law: an updated overview in a global multi-faceted crisis”, all’interno della sessione “The Consequence of War on Migration: Current legal and policy challenges in the field of forced migration”.