Linguaggio e società. Trasformazioni e contraddizioni in atto

Dettagli evento
Data inizio 29 Nov 2018 ore 09:30
Luogo Roma
Partecipazione

 

L’ENEA organizza il prossimo 29 novembre una giornata dedicata al linguaggio che non è soltanto un mezzo di comunicazione, ma è uno dei modi attraverso il quale una comunità esprime la sua cultura, le sue tradizioni, i suoi valori, i suoi modelli sociali. È un meccanismo vivente che si evolve, così come i gruppi e le persone che con esso si rappresentano e si definiscono.

La lingua è anche un potente strumento di cambiamento sociale, in grado di vincere stereotipi e pregiudizi che distorcono e alterano la realtà.

Nella lingua italiana, che distingue morfologicamente il genere grammaticale maschile e quello femminile, la donna risulta spesso nascosta “dentro” il genere grammaticale maschile, che viene usato quasi sempre in maniera indistinta per donne e uomini.

Già nel 1987 Alma Sabatini nel Il sessismo nella lingua italiana auspicava un uso della lingua attento a non privilegiare il genere maschile e a non tramandare una serie di pregiudizi negativi nei confronti delle donne.

Analizzare l’uso della lingua italiana significa dunque valutare le trasformazioni e le contraddizioni che esprime, e verificare se il linguaggio restituisce una corretta rappresentazione della società attuale.

Per l’INAPP partecipano Lucia Chiurco e Laura Gentile con la relazione “Riflessioni per un linguaggio non discriminatorio”.