Deliberazione Giunta regionale 14 febbraio 2005, n. 259

  • Emanante: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA
  • Regione: Emilia Romagna
  • Fonte: B.U.R.
  • Numero fonte: 46
  • Data fonte: 10/03/2005
Approvazione linee guida per la progettazione di percorsi integrati

Thesaurus: Programmazione dell`educazione

Abstract:

si dispone di intervenire con indicazioni regionali per garantire omogeneità di impianto didattico dei progetti integrati di istruzione e formazione inerenti all’obbligo formativo; vengono inoltre approvate le linee guida regionali, di cui all’ allegato "linee guida per la progettazione dei percorsi integrati", parte integrante e sostanziale della deliberazione.

Visti:

– la Legge 17 maggio 1999, n.144 “Misure in materia di investimenti, delega al Governo per il riordino degli incentivi all’occupazione e della normativa che disciplina l’INAIL, nonche’ disposizioni per il riordino degli Enti previdenziali”, in particolare l’articolo 68 “Obbligo di frequenza di attivita’ formative”;

– la Legge 28 marzo 2003, n. 53 “Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale”;

– la L.R. 30 giugno 2003, n. 12 “Norme per l’uguaglianza delle opportunita’ di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione fra loro”;

– il DPR 8 marzo 1999, n. 275 “Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche ai sensi dell’art. 21 della Legge 15 marzo 1997, n. 59”;

– il DPR 12 luglio 2000, n. 257 “Regolamento di attuazione dell’art. 68 della Legge 17 maggio 1999, n. 144 concernente l’obbligo di frequenza di attivita’ formative fino al diciottesimo anno di eta’”; richiamate altresi’ le proprie deliberazioni:

– 177/03 “Direttive regionali in ordine alle tipologie di azione ed alle regole per l’accreditamento degli organismi di formazione professionale” e successive integrazioni;

– 2049/03 “Approvazione modalita’ di selezione dei soggetti attuatori dell’offerta formativa rivolta ai ragazzi in obbligo formativo a partire dall’anno 2004-2005”;

– 105/04 “Adozione elenco candidature dei soggetti selezionati per offerta di percorsi integrati nell’istruzione e percorsi nella formazione professionale per l’obbligo formativo dell’anno scolastico 2004-2005. Assegnazione alle Province”;

– 778/04 “Approvazione elenco degli organismi accreditati secondo la normativa prevista dalla deliberazione di Giunta n. 177 del 10/2/2003 e successive integrazioni”;

– 1263/04 “Approvazione disposizioni attuative del Capo II, Sezione III – Finanziamento delle attivita’ e Sistema informativo – della L.R. 12/03”;

– 1946/04 “Linee di programmazione e indirizzi per il sistema formativo e per il lavoro. Biennio 2005/2006”, approvata in Consiglio regionale con atto n. 612 del 26/10/2004;

– 2212/04 “Approvazione delle qualifiche professionali in attuazione dell’art. 32, comma 1, lettera c della L.R. 30 giugno 2003, n. 12 – I provvedimento”;

– 2634/04 “Approvazione delle condizioni e delle modalita’ per il consolidamento dell’offerta di percorsi integrati nell’istruzione superiore in Emilia-Romagna (L.R.12/03, art. 27) a valere dall’anno scolastico 2005-2006”;

richiamati:

– l’Accordo del 2 marzo 2000 tra Stato, Regioni, Province, Comuni e Comunita’ montane in materia di obbligo di frequenza alle attivita’ formative in attuazione dell’art. 68 della Legge 17 maggio 1999, n. 144, approvato in sede di Conferenza unificata Stato-Regioni e Stato-Citta’ ed Autonomie locali;

– l’Accordo dell’8 maggio 2001 tra la Regione Emilia-Romagna, l’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia-Romagna, le Province ed i Comuni dell’Emilia-Romagna per il coordinamento ed il governo integrato dell’istruzione, della formazione professionale e della transizione al lavoro, in particolare gli artt. 1 e 4, che prevedono rispettivamente il governo dell’offerta formativa integrata e l’impegno ad individuare le risorse per l’attuazione dell’integrazione fra i sistemi formativi;

– l’Accordo quadro del 19 giugno 2003 tra le Regioni, il Ministero dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca (di seguito MIUR) e il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali (di seguito MLPS) per realizzare un’offerta formativa sperimentale di istruzione e formazione professionale, nelle more dei decreti attuativi della Legge 53/03, approvato in sede di Conferenza unificata;

– il Protocollo d’intesa dell’8 ottobre 2003 sottoscritto dalla Regione Emilia-Romagna, il MIUR e il MLPS nel quale si specificano le modalita’ con le quali in Emilia-Romagna sono attivati i percorsi integrati di istruzione e di formazione professionale e prevede successivi accordi operativi tra la Regione e l’Ufficio Scolastico Regionale;

– l’Accordo del 19 febbraio 2004 tra la Regione Emilia-Romagna e l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna al fine di realizzare sul territorio regionale un’offerta formativa sperimentale di istruzione e di formazione professionale di cui all’Accordo dell’8/10/2003 sopra citato;

– l’Accordo in Conferenza unificata del 28 ottobre 2004, ai sensi dell’articolo 9, comma 2, lettera c) del DLgs 28 agosto 1997, n. 281, tra il Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, le Regioni, le Province Autonome di Trento e Bolzano, le Province, i Comuni e le Comunita’ montane per la certificazione finale ed intermedia e il riconoscimento dei crediti formativi ai fini dei passaggi dai percorsi formativi ai percorsi scolastici e viceversa;

considerato che:

– con propria deliberazione 2049/03, gia’ citata, la Regione Emilia – Romagna ha approvato le modalita’ di selezione, in base alle quali le Amministrazioni provinciali sono pervenute ad un elenco di soggetti attuatori dell’offerta formativa a partire dall’a.s. 2004-2005 e ne ha adottato i risultati con successivo atto n. 105/2004, anch’esso gia’ citato;

– con successiva deliberazione 2634/04, gia’ citata, la Regione Emilia – Romagna ha approvato le condizioni e le modalita’ per il consolidamento dell’offerta di percorsi integrati nell’istruzione superiore in Emilia-Romagna a valere dall’anno scolastico 2005-2006; il Comitato scientifico regionale, previsto dall’Accordo dell’8 ottobre 2003 e definito nella sua composizione con atto del Direttore generale n. 16785 del 12/11/2004, ha elaborato una proposta di impianto metodologico e contenutistico per la progettazione esecutiva dei percorsi integrati ampliando le indicazioni gia’ presenti nella deliberazione 902/04, gia’ citata; rilevate:

– la necessita’ di coordinare a livello regionale l’ampia offerta formativa integrata rivolta ai ragazzi in obbligo formativo, nel rispetto della normativa intervenuta e delle oggettive condizioni di applicabilita’ della stessa, al fine di valorizzare e diffondere la cultura dell’integrazione;

– l’opportunita’ di uniformare la progettazione esecutiva dei percorsi integrati attraverso l’elaborazione di indicazioni che agevolino le istituzioni scolastiche e gli organismi di formazione professionale nella fase di co-progettazione didattica, perseguendo a tal fine gli obiettivi previsti dalla L.R. 12/03 e dagli Accordi citati;

– l’esigenza dei soggetti formativi coinvolti (istituzioni scolastiche ed organismi di formazione professionale) di disporre, in considerazione della forte innovazione didattica e formativa richiesta dallo svolgimento dei percorsi integrati, di un tempo congruo al fine di elaborare la relativa progettazione esecutiva secondo quanto stabilito nel presente atto; considerato che l’autonomia delle istituzioni scolastiche si rafforza e si specifica attraverso lo sviluppo delle relazioni con il territorio, con conseguente arricchimento del piano dell’offerta formativa (POF), e mediante una progettazione che tenga conto delle esigenze dei ragazzi in termini di orientamento alla scelta del percorso formativo, di sostegno alla motivazione allo studio e di possibilita’ di rivedere la scelta effettuata, salvaguardando le competenze acquisite; ritenuto che, per fare fronte alle esigenze su espresse, sia opportuno:

a) intervenire con indicazioni regionali per garantire omogeneita’ di impianto didattico dei progetti integrati di istruzione e formazione inerenti l’obbligo formativo ampliando quelle contenute nella precedente deliberazione 902/04;

b) realizzare pertanto linee guida regionali, di cui all’Allegato “Linee guida per la progettazione dei percorsi integrati”, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; acquisito il parere favorevole della Conferenza regionale per il sistema formativo nella seduta del 28 gennaio 2005; sentita la Commissione regionale Tripartita nella seduta del 3 febbraio 2005; dato atto del parere di regolarita’ amministrativa espresso dal Direttore generale dell’area Cultura, Formazione e Lavoro, dott.ssa Cristina Balboni, ai sensi dell’art.37, quarto comma della L.R. 43/01 e della deliberazione della Giunta regionale 447/03; su proposta dell’Assessore competente per materia;

a voti unanimi e palesi, delibera:

per le motivazioni sopra illustrate e qui integralmente richiamate:

1) di intervenire con indicazioni regionali, per garantire omogeneita’ di impianto didattico dei progetti integrati di istruzione e formazione inerenti l’obbligo formativo;

2) di approvare le linee guida regionali, di cui all’ Allegato “Linee guida per la progettazione dei percorsi integrati “, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

3) di stabilire che la data di presentazione dei progetti esecutivi alle Province sia fissata al 30 giugno di ogni anno scolastico;

4) di disporre la pubblicazione integrale nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna della presente deliberazi