Deliberazione Giunta regionale 14 febbraio 2006, n. 160

  • Emanante: REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale
  • Regione: Campania
  • Fonte: B.U.R.
  • Numero fonte: 15
  • Data fonte: 27/03/2006
Apprendistato professionalizzante di cui all'art. 49, d.lgs. n° 276/2003. indirizzi operativi per una prima sperimentazione

Thesaurus: Contratto di apprendistato

– vista la legge 14 febbraio 2003, n. 30 ¿Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro¿ e il decreto legislativo attuativo 10 settembre 2003, n. 276 avente ad oggetto ¿Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro¿, nel quale vengono individuate tre tipologie di apprendistato con finalità diverse:

* contratto di apprendistato per l¿espletamento del diritto-dovere di istruzione e formazione;

* contratto di apprendistato professionalizzante per il conseguimento di una qualificazione attraverso una formazione sul lavoro e un apprendimento tecnico-professionale;

* contratto di apprendistato per l¿acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione;

– visto in particolare l¿art. 49 del predetto d.lgs. n. 276/2003 in materia di ¿apprendistato professionalizzante¿, l¿attuazione del quale è subordinata alla definizione di una regolamentazione regionale;

– vista, altresì, la legge 14 maggio 2005, n. 80, che ha introdotto il comma 5-bis all¿art. 49, d.lgs. n. 276/2003, il quale dispone che, sino all¿approvazione della legge regionale relativa al contratto di apprendistato da parte delle regioni, il contratto di apprendistato professionale può operare immediatamente unicamente laddove siano stati stipulati contratti collettivi nazionali di lavoro da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale;

– vista la circolare ministeriale n. 40 del 14.10.2004, con la quale il Ministero del lavoro ha emanato alcuni chiarimenti e indicazioni operative ai fini dell¿applicazione della nuova disciplina del contratto di apprendistato, precisando che la regolamentazione dei profili formativi a cura delle Regioni può essere effettuata anche in forma non legislativa;

– vista la circolare ministeriale n. 30 del 15.07.2005, con la quale il Ministero del lavoro chiarisce il rapporto tra contrattazione collettiva e regolamentazioni regionali in attesa che la cooperazione tra livello nazionale, livello regionale e parti sociali sia compiutamente attuata;

– visto il decreto del Ministero del lavoro del 28.02.2000, con il quale vengono stabiliti i requisiti minimi che devono essere posseduti dal tutor aziendale;

– vista la Delibera di Giunta Regionale n. 2194/2005, recante ¿Norme regionali in materia di promozione dell¿occupazione, sicurezza e qualità del lavoro, tutela nella transizione al lavoro e riduzione della disoccupazione. Riordino degli strumenti di governo e gestione delle politiche del lavoro. Disegno di legge¿ ed in particolare l¿art. 9 recante ¿Disciplina dei profili di competenza regionale del contratto di apprendistato¿;

-vista la Delibera di Giunta Regionale n. 808/2004, recante ¿Indirizzi operativi per l¿Accreditamento degli Organismi di Formazione e di Orientamento¿ e successive modifiche ed integrazioni;

– visto il Disciplinare di Gara POR Campania 2000-2006 Misura 3. Azione b) recante ¿Affidamento dei servizio per la realizzazione di un programma di iniziativa regionale per la costruzione del sistema regionale delle qualifiche professionali¿;

– viste le Determinazioni dell¿Osservatorio sull¿Apprendistato (istituito con D.D. n. 1410/2000) che, nell¿ambito della programmazione 2005, ha assunto come impegno primario quello di predisporre una normativa per l¿attuazione di quanto stabilito nella L. 30/2003 e nel successivo decreto attuativo 276/2003 in riferimento alle tre tipologie contrattuali;

– preso atto della regolamentazione dei profili formativi relativi all¿apprendistato professionalizzante contenuta nei contratti collettivi nazionali di lavoro stipulati da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale; – preso atto dell¿intesa con le parti sociali propone e la Giunta, in conformità, a voti unanimi

DELIBERA

Per quanto espresso in premessa, che qui si intende integralmente riportato:

* di avviare una prima sperimentazione del contratto di apprendistato professionalizzante nei settori produttivi per i quali i contratti collettivi o gli accordi interconfederali, stipulati da associazioni dei datori di lavoro e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, abbiano regolamentato l¿apprendistato professionalizzante ai sensi dell¿art. 49, d.lgs. n. 276/2003;

* di approvare gli indirizzi operativi per una prima sperimentazione del contratto di apprendistato professionalizzante contenuti nell¿Allegato 1, che costituisce parte integrante e sostanziale della presente Delibera;

* di rinviare ad apposito decreto dirigenziale l¿elaborazione di fac-simile riguardanti il profilo formativo, il piano formativo individuale, il piano formativo individuale di dettaglio, l¿attestazione di partecipazione all¿attività formativa e la certificazione delle competenze, nonché ogni altro eventuale modello;

* di fare salva la regolamentazione dei profili formativi relativi all¿apprendistato professionalizzante predisposta dai contratti collettivi nazionali di lavoro stipulati da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale così come previsto dalla legge n. 80/2005 richiamata in Premessa.

* Di dare mandato ai Settori 05 – Formazione Professionale e 06 Orientamento dell¿A.G.C. 17, per le rispettive competenze, di approvare il Manuale Operativo e di procedere alla definizione ed esecuzione di tutti gli atti successivamente conseguenti;

* Di inviare il presente atto, ad avvenuta esecutività al Coordinatore dell¿A.G.C. N. 17, al Settore Formazione Professionale, al Settore Istruzione, Educazione Permanente, Promozione Culturale, al Settore Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù, al Settore Osservatorio del Mercato del Lavoro e dell¿Occupazione, al Settore Orientamento Professionale, Ricerca, Consulenza e Sperimentazione nella Formazione Professionale, all¿A.G.C. n° 12 -Sviluppo Attività Settore Secondario, al Settore Stampa e Documentazione per la pubblicazione integrale sul BURC e sul sito www.regione.campania.it.